Image Alt

Mortaio

Il manufatto, di origine centro italiana, è ornato presso ciascun lato da una colonnetta scanalata vasiforme, dal volume diviso in sezioni rigonfie da linee puntinate.
Il manto è diviso in due riserve da una striscia in rilievo, con quella inferiore decorata da belle volute fitomorfe che ospitano fiori a sei petali nelle anse.
Quella superiore mostra una decorazione più articolata: le due facce sono occupate da rigogliose foglie d’acanto splendidamente scolpite, mentre le altre due ospitano rispettivamente uno stemma a teschio di cavallo con un leone rampante che solleva, l’una una ruota raggiata e l’altra due mani che si stringono davanti a fiamme stilizzate. Sulla scorta degli elementi decorativi mostrati, il mortaio va datato entro la prima parte del XVI secolo; la forma particolarmente ricercata, lo stemma e le due mani che si stringono in presenza di fiamme, tipica rappresentazione rinascimentale “dell’amor ardente”, fanno ritenere che il mortaio sia nato come dono fra promessi sposi.

Mortaio
Centro Italia – XVI sec. prima metà
Marmo bianco – (13 x 23 cm)