Image Alt

Adorazione dei Magi

Nella parte centrale è seduta Maria con il capo coperto da un velo che lascia uscire i capelli ondulati ed indossa un ampio manto che l’avvolge completamente scendendo al suolo con belle pieghe sinuose. La Vergine tiene la mano sinistra delicatamente posate sul seno e con la destra trattiene un piccolo, vivace Fanciullino ignudo e sgambettante, che porge la manina verso il Re Magio che la bacia in segno di reverenza e devozione. Questi mostra una lunga barba ed una folta capigliatura ricciuta, indossa un mantello che si risvolta sulla gamba piegata ed una corazza dalla quale spuntano corte maniche di gusto prettamente classico. Appoggiati vicino al suo piede figurano il dono ed uno scettro. Direttamente sopra alla madonna è posto San Giuseppe, dalla lunga barba ed un mantello appoggiato sulle spalle, intento ad indicare con una mano la Vergine e con l’altra il Re Magio in piedi accanto a Lei. Ha il capo incoronato, tiene il proprio regalo con la destra e regge uno scettro con la sinistra, indossa gli stessi abiti ispirati alla romanità classica e reca, ben visibile sul gonnellino, una corta daga. Sull’altro lato della composizione è posto il terzo dei regali donatori, anch’egli in vesti classiche ed armato, che regge il proprio dono con le mani. Lo sfondo è occupato da un lato dal bue e dall’asinello vicini alla capanna, da edifici tipicamente rinascimentali con colonne ed arcate a tutto sesto e dall’altro dall’esotico corteo che segue i Re Magi, con cammelli ed armigeri in abiti orientali.
La placchetta è inedita e si caratterizza, oltre che per il nitido rilievo dalla raffigurazione e la splendida doratura, per la singolarità delle vesti, delle armi e degli scettri dei Re Magi. Per i caratteri fisiognomici dei Personaggi, il modo di panneggiare e la minuziosa cura riservata alla descrizione dei doni e del manto erboso, riteniamo che la nostra placchetta vada attribuita ad artefice fiammingo o tedesco operante all’interno del XVI secolo.

Adorazione dei Magi
Fiandre o Germania – XVI sec.
Placchetta in bronzo dorato (10 x 7 cm)